Effemeridi

Effemeridi da gennaio a marzo 2020 (anno bisestile)

MERCURIO

Invisibile fino alla fine di gennaio, si mostra poi alla sera all’orizzonte occidentale fino a metà febbraio. In seguito, nonostante la sua massima elongazione occidentale e a causa della sua sfavorevole posizione sul nostro orizzonte sud-orientale, è difficilmente visibile al mattino prima del sorgere del Sole.

VENERE

Domina il nostro cielo occidentale come “stella della sera” per tutto il trimestre. Alla massima elongazione orientale il 24 marzo (mag.-4,2).

MARTE

È visibile prima del sorgere del Sole, nelle costellazioni dell’Ofiuco e del Sagittario per i tre mesi.(mag. Da 1,6 a 0,9) vicinissimo a Giove e vicino a Saturno nella seconda metà di marzo.

GIOVE

È visibile al mattino molto basso sull’orizzonte orientale, prima del sorgere del Sole (mag. -2,0). Precede di poco Saturno ed è vicino a Marte in marzo.

SATURNO

Pure visibile nel Sagittario a Est prima del sorgere del Sole, segue Giove e Marte, bassi sull’orizzonte Sud-Est (mag. 0,7).

URANO

Nella costellazione dell’Ariete, rimane visibile nella prima parte della notte per tutto il trimestre (mag. 5,8).

NETTUNO

Si trova nell’Acquario e rimane visibile nelle prime ore serali fino a metà febbraio (mag. 8,0) In seguito invisibile per congiunzione eliaca del 4 marzo.

FASI LUNARI

Luna nuova: 24 gennaio, 23 febbraio, 23 marzo
Primo quarto: 3 gennaio, 2 febbraio, 2 marzo
Luna piena: 10 gennaio, 9 febbraio, 9 marzo
Ultimo quarto: 17 gennaio, 15 febbraio, 16 marzo

STELLE FILANTI

Quadrantidi: attive dall’1 al 5 gennaio, con un massimo il 3. Cometa d’origine: 96P/Machholz 1

FENOMENI

Eclissi penombrale di Luna: il 10 gennaio osservabile da noi, fase massima alle 20:10.

PRIMAVERA

La Terra si trova all’equinozio il 20 marzo alle 4:50. Per il nostro emisfero ha inizio la primavera.

INIZIO ORA ESTIVA

Il 29 marzo i nostri orologi devono essere arretrati dalle 3:00 alle 2:00.

12 gennaio 23:00, 12 febbraio 21:00, 12 marzo 19:00. Questa cartina è stata tratta dalla rivista Pégase, con il permesso della Société Fribourgeoise d’Astronomie.